COVER PER SITO.jpg

#youthieseditorials

NEL FRATTEMPO, DITONELLAPIAGA

artist DITONELLAPIAGA /GDGPRESS @ditonellapiaga @gdgpress photo ANDREA JEAN VARRAUD @vajjavajjav creative direction and styling MICHELE PREVISANI @micheleprevisani art direction ALLEGRA CENI @allegraceni make up for Ditonellapiaga ELENA GAGGERO @elena_gaggero hair for Ditonellapiaga SILVIA ACQUAPENDENTE @silvia_acquapendente using R+Co @randcoitaly make up for characters EDOARDO BACIGALUPI @ode.mes hair for characters ELEONORA MAROTTI @eleonoramarotti.mua video VASTA @vastafilm photo assistant LUCIA ROMANELLO @luciaromss production BONS AMIS PRODUCTION @bonsamis__ characters OMAR @ombra.flac HUY @huyna.99 SHEN @ezio.shen /Human Casting @humancasting and EDOARDO @trueblondevenus, SOFIA @sofiafoiera, LUCA @lucapaolantonio_, DANIELA @danielacircodellepulci, DAVIDE @abraxas special thanks to GIULIA DI GIOVANNI /GDGPRESS interview GIANFRANCO PETRIGLIERI @gian86indagram

4.jpg

DITONELLAPIAGA FERRARI FULL LOOK
CHARACTERS (from left) SHIRT AND DENIM JUST CAVALLI KNITWEAR PAUL SMITH DRESS PHILOSOPHY BY LORENZO SERAFINI

6.jpg

DITONELLAPIAGA ACT N.1 FULL LOOK
CHARACTERS (from left) TOP ANDREA GROSSI DRESS VERSACE JEANS COUTURE SHIRT JUST CAVALLI

11.jpg

PAUL SMITH FULL LOOKS
 

5.jpg

DITONELLAPIAGA VERSACE JEANS COUTURE FULL LOOK
CHARACTERS (from left) HANGING SHIRT PAUL SMITH DRESS VERSACE JEANS COUTURE KNITWEAR PAUL SMITH DRESS PHILOSOPHY BY LORENZO SERAFINI

2.jpg

DITONELLAPIAGA JUST CAVALLI FULL LOOK
CHARACTERS (from left) FULL LOOK JUST CAVALLI  TOP ANDREA GROSSI SHOES MARSÈLL

9.jpg

(from left) DRESS PHILOSOPHY BY LORENZO SERAFINI TOP ANDREA GROSSI DENIM JUST CAVALLI FULL LOOK MONCLER

PHOTO-2022-05-09-10-21-18.jpg

COVER TOP IMAGE

DITONELLAPIAGA PHILOSOPHY BY LORENZO SERAFINI FULL LOOK
CHARACTERS (from left) FULL LOOK PAUL SMITH DRESS VERSACE JEANS COUTURE

THE ART OF CAMOUFLAGE

A conversation with Ditonellapiaga

interview Gianfranco Petriglieri

ENG

Searching on the web, I discover that the question that everyone asks themselves and the most memorized by search engines is: why is Ditonellapiaga so called? Margherita Carducci, born in Rome in 1997, chose her stage name straight from her nickname in her Instagram profile. Ironic and fun - with a slightly punk soul – it perfectly summarizes the many souls of an artist who, with her charisma and verve, has arrived as a breath of freshness in this new musical year: the name as a true manifesto. Last January, she released her first album, Camouflage, an exploration of sounds and words. In the tracks of the project she speaks about herself: she shows us her most mischievous and cheeky side - listen to Morphina, for example - but also her deeper and more intimate side with great emotional sincerity. Last February was a turning point. Chimica, her overwhelming duet with the iconic Donatella Rettore, made the whole Italy dance together, breaking down all generational barriers, with the help of its irresistible refrain that never comes out of your head. Ditonellapiaga tell us her countless versions and teaches us the art of camouflage to push ourselves beyond the limits.

What kind of music did Margherita listen to as a child?

A little bit of everything. As a child I often went with my mom to this record shop called Messaggerie Musicali and we would randomly select records that we liked for the cover; we listened to them and if we liked them we would take them home. I grew up with sophisticated music, for example Norah Jones - for a little girl it is not quite the best; I used to fall asleep listening to her - and then the pop icons I saw on Top of the Pops on television.

Can you tell us about your first time on stage? Where, when, what sensations did you feel?

The first time was at a play in primary school but I don't remember it so well, so  I can't say what emotions I honestly felt. The first time as a singer, I performed an acoustic version of Britney Spears' Toxic. It was wonderful. I immediately understood that I liked doing it even though I was very shy at the time: I remember that while I was singing, I did not look at the audience but at the top, seeking God's approval.

Do you have some superstitious rituals before a performance? Can you tell me an object that can never be missing in your dressing room?

I don't have any; however, I have to warm up my voice. I recently started taking lessons seriously with a very good teacher. I understood that it is very important to me and without this warm-up moment, I feel a lot affected during the performance.

Camouflage, your album, is an eclectic sonic journey full of autobiographical references. Which path led to its realization?

It is a record born in a "do-it-yourself" way: there was no intention of making a record but songs were born and then gradually, they came together and became a family. It was a very spontaneous process. They were like people part of a community. People who come from different backgrounds, and at some point they found themselves under the same roof. Basically it comes from a research of experimentation, which is what I want to continue doing. Obviously after writing and putting together different tracks, there was also a great attention to the consistency of the sounds. The themes are almost always autobiographical, but even when my songs are not 100% about me, there is always something related to my feelings, my intimacy and my emotions.

The title refers to blending. Is it Music a form of protection?

It more evokes the idea of ​​adapting: I don't intend to hide myself. I mean to transform myself. I think this idea fits a person like me, who wants to experiment and do different things; I enjoy dressing up in new clothes every time. It want to introduce myself as a songwriter who knows how to adapt herself and who wants to try many things in the writing process.

What is your relationship with the body and the image? You studied theater: how much weight do these elements have in your lives?

A lot: I also write through images. I like to think that there are almost characters who speak and not necessarily Margherita Carducci. There is a lot of theater and a lot of what I have studied in it and it is inevitable that it will come out on stage: in my opinion, everything has to be balanced for the person who does it, but of course it depends on the artist. I like to see an entertainer, not a log of wood. Everyone does it in his own way: there are artists who stand still and motionless, and they demonstrate a charisma that even beats Beyoncè. For me, it's also fun to get physically involved on stage.

With Chimica, your duet with Donatella Rettore, you have put two generations in dialogue. How much are you similar and  in what are you different?

We are very different in our approach; she is much more punk than me: she is someone who does not ask too many questions and throws herself a lot. She is looking for fun even in uncertainty and transgression. On the other hand, although I am a fairly spontaneous person, I think a lot about things: I am very meticulous in my work. But things happen naturally and I do not decide them at the table: I try them and see what my body does automatically, and then I define them. I don't let them happen just to abandon myself in the moment. I have to decide them first.

Where and how do you imagine yourself at her age?

I hope satisfied with myself; with the people I love and who love me. I hope I would have seen the world.

The generational confrontation also returns in the cover image of the record. I read that it is a "reconstruction" of a family event. Why did you find it representative for the record?

It is the reconstruction of an imaginary I have of my family. I saw these old women at my grandmother's birthday party and I found them very fascinating. I wanted to tell this fact of mimesis, as a form of adaptation, but I wanted to do it with an image that was linked to my life. Therefore, I told the world of my mother's family that represents my own world.

Who is another artist with whom you would like to duet / collaborate in the future.

Ginevra. I would be very happy to collaborate with her: I find her an incredible artist, producer and lyricist; she is a very good musician. I find her very bright: very mature but super fresh.

 

ITA

Facendo una ricerca nel web, scopro che la domanda che tutti si fanno e la più memorizzata dai motori di ricerca, è: perché Ditonellapiaga si chiama così? Margherita Carducci, romana classe 1997, ha scelto il proprio nome d’arte derivandolo direttamente dal nickname del suo profilo Instagram. Ironico e divertente - dall’anima un po' punk - sintetizza alla perfezione le molteplici sfaccettature di un’artista che, con il suo carisma e la sua verve, è arrivata come una ventata di freschezza in questo nuovo anno musicale: il nome come un vero e proprio manifesto di intenti. Lo scorso gennaio, ha pubblicato il suo primo album, Camouflage, un’esplorazione di suoni e parole. Nelle tracce del progetto si racconta: ci mostra il suo lato più sfacciato, come in Morphina, ma anche quello più profondo e intimo con grande sincerità emotiva. A febbraio arriva il turning point: Chimica, ora singolo di Platino, il suo travolgente duetto con l’iconica Donatella Rettore ha fatto ballare l’Italia intera abbattendo tutte le barriere generazionali, grazie a un ritornello irresistibile che non esce più dalla testa. Ditonellapiaga si racconta nelle sue innumerevoli versioni e ci insegna l’arte della mimetica per spingerci oltre i limiti.

Che musica ascoltava Margherita da piccola?

Un po' di tutto. Da bambina andavo spesso con mia mamma in questo negozio di dischi che si chiamava Messaggerie Musicali e selezionavamo dei dischi a caso che magari ci piacevano per la copertina, li ascoltavamo e se ci piacevano li portavamo a casa. Sono cresciuta con musica sofisticata, ad esempio Norah Jones, forse atipico per una bambina (mi ci addormentavo ascoltandola) e poi le icone del pop che vedevo in televisione a Top of the Pops.

Ci racconti la tua prima volta sul palco? Dove, quando, quali sensazioni provavi?

La prima volta è stata ad una recita alle scuole elementari che però non ricordo bene quindi non saprei dire quali emozioni provassi onestamente. La prima volta invece come cantante, mi sono esibita in una versione acustica di Toxic di Britney Spears. È stato bello, ho capito subito che mi piaceva farlo nonostante fossi molto timida: ricordo che mentre cantavo non guardavo il pubblico ma in alto, cercando l’approvazione di Dio (ride). 

Riti scaramantici prima di un' esibizione? Un oggetto che non può mai mancare nel tuo camerino?

Non ne ho, però devo scaldare bene la voce: da poco ho iniziato a fare lezioni seriamente con un' insegnante molto brava. Ho capito che è molto importante per me e senza questo momento di riscaldamento ne risento molto al momento dell’esibizione.

Camouflage, il tuo album, è un viaggio sonoro eclettico ricco di citazioni autobiografiche. Ci racconti il percorso che ha portato alla sua realizzazione?

È un disco nato in maniera “fai da te”: non c’era l’intenzione di fare un disco ma sono nati dei brani che piano piano si sono assemblati e sono diventati una famiglia. Però in maniera spontanea. Come delle persone che vanno in comunità: persone che vengono da background diversi e in un determinato momento si sono trovati sotto lo stesso tetto. Fondamentalmente nasce da una ricerca di sperimentazione, che è quello che voglio continuare a fare: ovviamente scrivendo e mettendo insieme pezzi diversi, c’è stato anche una maggiore attenzione per la coerenza alle sonorità. Le tematiche sono quasi sempre autobiografiche, ma anche quando le mie canzoni non lo sono al 100%, c’è sempre qualcosa di legato al mio sentire, alla mia intimità ed emotività.

Il titolo rimanda al mimetizzarsi. La musica come forma di protezione?

Evoca più l’idea di adattarsi, non intendo nascondermi: voglio trasformarmi. Penso che sia giusto per una persona come me che vuole sperimentare e fare cose diverse, mi diverte vestirmi con degli abiti nuovi ogni volta. È giusto raccontarmi come una cantautrice che si sa adattare e che nella scrittura vuole provare tante cose.

Il rapporto con il corpo e l’immagine? Hai studiato teatro: quanto peso hanno questi elementi nei tuoi live?

Tanto: scrivo anche attraverso immagini, mi piace pensare che ci siano quasi dei personaggi che parlano e non per forza Margherita Carducci. C’è molto teatro e tanto di quello che ho studiato ed è inevitabile che venga fuori sul palcoscenico. Per come la vedo io ogni cosa deve essere bilanciata per la persona che la fa, poi naturalmente dipende dall’artista. A me piacciono gli spettacoli che intrattengono: mi piace vedere una persona che coinvolge, non un tronco di legno. Ognuno lo fa a modo proprio: ci sono degli artisti che stanno fermi e immobili e dimostrano un carisma che sbaraglia anche Beyoncè. Per come la vedo io, è divertente anche mettersi in gioco fisicamente sul palco.

Con Chimica, il tuo duetto con Donatella Rettore, avete messo in dialogo due generazioni. In cosa vi somigliate, in cosa invece siete diverse secondo te?

Siamo molto diverse nell’approccio, lei è molto più punk: lei è una che non si fa troppe domande e si butta molto. Cerca il divertimento sfrenato anche nell’incertezza e nella trasgressione. Io, invece, per quanto sia una persona abbastanza spontanea, ragiono molto sulle cose: sono tanto meticolosa nel lavoro, anche se poi le cose avvengono comunque in maniera spontanea non decidendole a tavolino. Provo e vedo cosa fa il mio corpo in automatico, poi le definisco, non le lascio accadere solo per abbandonarmi al momento. Devo deciderle prima.

Dove e come ti immagini alla sua età?

Spero soddisfatta di me, con tante persone a cui voglio bene e che mi auguro allo stesso modo mi vogliano bene. Spero di aver visto il mondo, questo si. 

Il confronto generazionale ritorna anche nell’immagine di copertina del disco. Ho letto che è una “ricostruzione” di un evento di famiglia. Come mai lo hai sentito rappresentativo per il disco?

È la ricostruzione più che altro di un immaginario che ho della mia famiglia: ho visto queste signore al compleanno di mia nonna e le ho trovate molto affascinanti. Volevo raccontare questo fatto della mimesi come forma di adattamento, ma volevo farlo attraverso una immagine che fosse legata alla mia vita. Quindi ho raccontato il mondo della famiglia di mia mamma che rappresenta il mio mondo.

Un altro artista con cui ti piacerebbe duettare/collaborare in futuro.

Ginevra. Sarei molto felice di collaborare con lei: la trovo una artista, produttrice  e paroliera incredibile; una musicista bravissima. La trovo molto brillante: matura ma super fresca.

 

DITONELLAPIAGA

"CAMOUFLAGE IL TOUR" FROM MAY 27th


 

 

27 MAGGIO 2022 SAVIGLIANO (CN) - ATIPICO FESTIVAL

 

 03 GIUGNO 2022 LIVORNO - STRABORGO

 

04 GIUGNO 2022 - BOLOGNA - DUMBO

 

05 GIUGNO 2022 CAGLIARI – ATENEIKA 

 

9 GIUGNO 2022 ROMA – FUTURE HITS 2022 - FESTIVAL DELLE GENERAZIONE ZETA 

 

11 GIUGNO 2022 CREMONA - PORTE APERTE FESTIVAL

18 GIUGNO 2022 - MILANO - SPAGHETTILAND. FESTIVAL MILANO (nuova data)

05 LUGLIO 2022 AREZZO - MEN/GO MUSIC FEST

 

13 LUGLIO 2022 COLLEGNO (TO) - FLOWERS FESTIVAL 

 

15 LUGLIO 2022 L’AQUILA - PINEWOOD FESTIVAL

 

23 LUGLIO 2022 GENOVA - BALENA FESTIVAL

28 LUGLIO 2022 CASTIGLIONE DEL LAGO (PG) - LACUSTICA (nuova data)

30 LUGLIO 2022 NAPOLI - PALAZZO REALE SUMMER FEST 

 

31 LUGLIO CORIGLIANO D’OTRANTO (LE) - SUD EST INDIPENDENTE - SEI FESTIVAL

 

 13 AGOSTO 2022 ALCAMO (TP) - ALCART FESTIVAL

 

 20 AGOSTO 2022 MILO (CT) - TEATRO LUCIO DALLA

 

24 AGOSTO 2022 EMPOLI (FI) - BEAT FESTIVAL 

 

02 SETTEMBRE 2022 CELLA MONTE (AL) JAZZ:RE:FOUND

 

03 SETTEMBRE GALZIGNANO TERME (PD) - MUSICA TRA LE NUVOLE - ANFITEATRO DEL VENDA

 

10 SETTEMBRE 2022 BERGAMO - NXT STATION

 

16 SETTEMBRE 2022 ROMA – SPRING ATTITUDE FESTIVAL